02/06/13

GIORNO 220: trash world

Non fare shopping a Londra è qualcosa oltre l' impossibile.

Dovrebbero coniare una nuova parola per descrivere la cosa.

Improponibile, arduo, estremo non sono sufficienti.

Sconti, vetrine, colori, vestiti, ancora colori, ancora vestiti.

E poi davvero ce n'è di tutti i gusti.

E ormai ci sono così abituata che per me è la normalità.

Fondamentalmente qualsiasi cosa vedi/desideri/vorresti acquistare puoi trovarla a Londra.

Quanti miei amici mi hanno chiesto 'Ehi! Non è che mi compreresti quello che qui in Italia non lo trovo?'

Ieri ho fatto proprio le due facce dello shopping londinese.

Negozietti negli Hampstead dove trovi le cose più particolari e le grandi catene a Camden, un pò più giù nella collina.

Hampstead con le sue vie silenziose e tranquille.

Camden sempre affollato e pieno di gente.

Come al solito ormai mi è partita la voglia di schifo trash e la Miki mi ha assecondata.

Ecco, non c'è niente di peggio che andare a fare shopping con una che ti asseconda in tutta la merda che compri.

La mantellina blu è la mia nuova ragione di vita.

E non parliamo degli occhiali gialli e rosa.

So già che quando tornerò in Italia nessuno mi prenderà più sul serio, ma va benissimo così.

Come posso chiederlo agli altri se sono la prima a non prendermi seriamente?

Autoironia. Disprezzando me stesso, ho destato il rispetto degli altri.



@Camden Town
 



so trash, so good.

adoro queste case @Camden Town


E poi dopo lo shopping...birretta!
Avevo detto birrettA...non dodici! 
Chi ce l' ha un capo più fico del mio?


Nessun commento:

Posta un commento