10/04/13

GIORNO 168: Yogurt

Passare da vivere da una città piccola a una città enorme è destabilizzante.

Tutto il contrario di tutto.

Ma questo mi sembra abbastanza scontato.

Ora, a parte la concezione di te stesso, che indubbiamente viene cambiata, una delle cose che più si sconvolgono è il rapportarsi con le persone.

Tempo fa mi ricordo che parlavo delle persone in pillole, di quel tipo di persone di cui scopri il concentrato in un' ora e poi passano.

Non le vedi più per settimane, mesi o per sempre.

E ti resta quel poco lì, quel ricordo, non si può nemmeno usare il plurale.

Ultimamente invece sento di essere circondata da persone Yogurt, che seppur di sostanza hanno una data di scadenza.

Mi spiego meglio.

Londra ha un che di provvisorio (credo di averlo già detto) e tutto ciò che fai in questa città finisce per ricadere nel girone infernale del 'Prima o poi finisce'.

Va bè ora ho già comprato il biglietto lo so che tutto sta finendo, ma anche prima quando non avevo idea su cosa fare del mio futuro Londra non mi ha mai dato sicurezza.

Da un lato fa male perchè finisci per sentirti abbandonato, ma dall' altro sei tremendamente libero da tutto e da tutti.

Fai qualcosa che non va? Chissene frega tanto non lo rivedrò più!

Ti fanno qualcosa che non va? Chissene frega tanto non lo rivedrò più!

E quelle poche persone che sei 'costretto' a rivedere comunque prima o poi smetteranno di fare parte dalla tua vita.

Forse è proprio per questo che non mi riesco ad affezzionare alle persone qui, perchè non voglio soffrire quando me ne andrò.

O forse semplicemente perchè a Londra tutti hanno una data di scadenza.

A volte coincide con un trasloco, a volte con un nuovo lavoro, altre con un viaggio improvviso...tutto l' universo di persone che gira intorno a te prima o poi smetterà di far parte della tua galassia per approdare su una nuova o ritornare su quella vecchia.

Non resta altro che prendere questa situazione con filosofia, godersi il momento, i momenti, come fosse per sempre e allo stesso modo come se dovesse finire domani.

Perchè poi tre mesi non sono poi tanto lunghi e non voglio avere rimpianti.

Allo stesso tempo mi spaventa ritornare sulla galassia dove tutti conoscono le storie di tutti, dove non ci sono segreti e dove nulla è per l' adesso.

 Certe volte senti anche il bisogno di circondarti di amici veri, di persone vere, di quelle che 'qualunque cosa succeda loro ci saranno sempre'.


6 commenti:

  1. Accidenti Franci oggi ti sei veramente superata. Uno scritto a questo livello non ha pari al mondo. Grande il concetto di uomo-yogurt. Unico appunto, il passato è grande e sacrosanto ma ciò che conta è il domani.Papis

    RispondiElimina
  2. persone-yogurt e persone-in-pillole sono bei concetti.
    bisognerebbe vedere se è il contesto, la società che le ha rese così oppure se è il loro carattere.
    io opto per la prima opzione.

    RispondiElimina
  3. Del resto cosa conta una sorta di amicizia quando poi tornerai nella vecchia Peggio Emilia e potrai dimenticartene? bah.

    RispondiElimina
  4. Flavia quoto anche io la prima!
    Londra (e credo in generale le grandi città) rendono le persone diverse, chi dice il contrario mente.
    Io credo e ho sempre creduto che lo stesso bambino se nasce a Reggio Emilia, a Londra, o a Pechino a trent'anni è diverso, seppure è lo stesso.
    Sono le nostre esperienze a forgiarci.

    Father completamente ragione sul discorso futuro. Anche per questo sono partita.
    Il passato se è sincero è sempre lì ad aspettarti, ma se ci fossilizziamo sui ricordi non andremo mai avanti, sia come singoli che nei rapporti umani.

    Per quanto riguarda le pseudo amicizie, non credo che nessuno che parte per Londra ti risponda 'Vado a Londra a cercare nuovi amici'.
    Ci sono mille motivi per cui si parte, per gli amici si torna e basta.

    RispondiElimina
  5. ciao!!!ho letto oggi per la prima volta il tuo blog...e per me che sono un amante di Londra e della vita londinese sei veramente grande!!!leggere questi post mi fa tornare la mente a quel breve periodo in cui ci ho vissuto anche io...e a tutte le volte che ogni 3 mesi salgo perche mi manca!!!ciaooooooo

    RispondiElimina
  6. ciao francesca non ho capito una cosa o mi sono persa un passaggio...ma perché vuoi andare via da londra?? da quello che leggo percepisco che la ami tantissimo eppure vuoi andare via...

    RispondiElimina