01/04/13

GIORNO 159: money?

I soldi fanno al felicità?

La pongo come una domanda, non come una risposta.

Ognuno ha la sua di risposta.

Io credo che i soldi ti diano tante possibilità di essere felice quante di non esserlo affatto.

E' ovvio che se sei una persona intelligente e sai usarli nel modo giusto aiutano decisamente.

Come diceva qualche giorno fa David: 'Non vivi se ti gratti il culo in una villa se le cinque case che hai sono tutte a un' ora di distanza l' una dall' altra.'

Bisogna viaggiare, fare esperienze, lavorative e non, però fare, fare sempre.

Sempre qualche giorno fa ho scoperto che la mia capa è una multimiliardaria e nella sua simpatica casetta ha tipo cinque cameriere e tre baby sitter per l' unico figlio che ha.

Dopo quattro giorni che non si presentava al lavoro la mia collega le ha chiesto se si era goduta la vacanza, pensando potesse essere la domanda più azzeccata, ovvio.

La risposta è stata chiara quanto allarmante: 'Ma che vacanza? Le nanny sono in ferie! Sono dovuta andare a prendere mio figlio a scuola e stare a casa con lui tutto il tempo.'

Suo figlio ha sette anni ed è un bambino normalissimo, direi anche più intelligente della media.

Quando sento ste cose mi viene da ringraziare per il fatto che non sia nata in una famiglia miliardaria.

Che mia mamma sia venuta prendermi a scuola tutti i giorni della mia vita con una gran voglia di vedermi.

E abbiamo sempre passato assieme troppo poco tempo e mai troppo.

Perchè non è mai troppo il tempo che passi assieme ai tuoi genitori.

Il punto è a che a volte i troppi soldi fanno male, ti fanno perdere di vista le cose di base.

Tornando alla famosa frase iniziale è ovvio che allude al fatto che le cose che ti fanno felice sono altre, molto più piccole e astratte di un portafoglio...

Sì è vero, quelle sono le cose senza le quali non puoi esserlo.

I soldi sono una cosa in più, che se sai giocare a tuo favore potrebbero davvero cambiarti la vita.

Un mese fa ero in una crisi assurda e ho chiamato disperata i miei.

Non gli ho chiesto soldi, gli ho chiesto solo di ascoltarmi e di provare a capirmi.

Due giorni fa avevo trenta pound in banca eppure non ho chiamato nessuno.

Perchè ero felice nonostante il mio portafoglio piangesse.

Ma è tutto relativo.

Ho diciannove anni e nessun bisogno economico al di fuori del mio sostentamento.

Quando nel 2013 ci sono persone che si suicidano per i troppi debiti, diosccupazione giovanile che dilaga, famiglie intere che dormono in macchina perchè non riescono a pagare l' affitto credo che abusare di questa frase non sia solo finto moralismo, ma anche una forma di maleducazione.





Nessun commento:

Posta un commento