10/03/13

GIORNO 137: Big Cheese

Continua la serie 'Il mio capo mi ama e mi mette sempre il giorno off nel weekend'.

Questa settimana era sabato quindi seratona venerdì.

Finito il lavoro vado a Kingston da David.

I programmi erano buoni: Hippodrome per tipo un compleanno di suoi amici.

Alla fine non ho capito dove fossero finiti, ma abbiamo fatto serata solo io e lui.

E il vino.

Lezione del giorno: non comprare il vino dry sotto casa di David.
 Siamo riusciti comunque a divertirci.

Come tutte le mattine appena sveglia ho guardato le foto e ho letto le bozze del cellulare in cui mi scrivo sempre I momenti top della serata.

*Da ricordare:

Kareem jarche. Nuovo amico gay fashion victim da aggiungere su facebook.

Ci credo troppo a ballare la canzone di High School Musical. Da dire a mia sorella.

Io e David cerchiamo di avere quel filo di Arianna e ragazza dice: 'You fucking cunts you bitches...fucking die'.

Scivolare con nonchalance.*

Insomma le cose da ricordare ci sono.

A parte Kareem abbiamo conosciuto un sacco di altra gente e rivisto vecchie conoscenze, tipo il fotografo che ormai ci conosce per nome.

Non so quale dei tre punti si merita il premio 'low point of the night'.

Ballare High School Musical come una tredicenne deficiente è stato divertente come quando lo facevo ai tempi in casa con mia sorella.

Devo ammettere di aver pensato alla mia povera mammina che si doveva beccare quel tremendo spettacolo giornaliero.

Mi deve amare proprio tanto per non avermi già ucciso.

Io che scivolo sul pavimento bagnato così velocemente da non rendermene conto e da rimanere stesa sul pavimento stordita è stato bello comunque.

Ma credo che il momento peggiore della serata sia stata la lotta per la corda che nelle bozze ho riassunto con quella frase.

Sostanzialmente io mi sono messa a giochicchiare con una cordicina che c'era appesa alla balconata e me la volevo portare a casa.

Quando stavo per prendere la seconda dall' altra parte questa tipa la stava tirando perchè a quanto pare la voleva lei.

Ovviamente ho vinto io e sta pazza isterica si è messa a urlare come una bambina che fa I capricci.

Vederla così è stato il mio piccolo contentino della serata.

Io e David siamo scappati e  ci siamo guardati la scena da lontano.

Vedere una diciottenne strillare per un pezzo di corda è una di quelle cose che non posso dimenticarmi.

Ora che io e David abbiamo il nostro souvenir della serata la mia vita ha di nuovo un senso.



La nostra amica finnica
 

Scusate per le pose tutte uguali. 
Non è voluto.
 

Blue tights forever love.
 



Non so se amo più te o quella birra.
 

Kareen, l' amico gay fashion victim che per tutta la serata mi ha ripetuto: 'Adoro il tuo stile, sei fantasticaaaa' come solo i gay possono fare.


White Lipstick.
 

Fuck you litlle bitch.
 

Voi che fate ginnastica sul bus delle quattro di notte avete decisamente vinto.




Nessun commento:

Posta un commento