14/02/13

GIORNO 114: Day 'OFF'

Sabato, domenica, lunedì, martedì.

Quattro giorno di lavoro no stop.

Ieri ho fatto più di tredici ore.

Finalmente oggi OFF (per modo di dire).

Avevo un sacco di cose arretrate da fare.

Duplicare le chiavi di Emma, fare la spesa, andare alla Barclays a cambiare l' indirizzo sennò la posta me la mandano ancora nella casa vecchia.

Meno male che intorno a casa c'è tutto.

In effetti il casino di Londra un pò mi mancava.

Il mio attuale quartiere, Camberwell, è equidistante da tre diverse stazioni della tube non raggiungibili a piedi, ma ci transitano tantissimi bus.

Ci sono due o tre grossi supermercati, i soliti Mc Donald's e Subway, la Barclays (che come i fast food è un pò dappertutto) e un bel pò di piccoli negozietti, tra cui anche uno che doppia le chiavi.

A dir poco fanstastico.

Se non che l' Emma mi ha svegliata presto obbligandomi di accompagnarla dal parrucchiere a Covent Garden.

Per poi arrivare là e decidere che costava troppo.

L' avrei uccisa.

Ci siamo rilassate un oretta da caffè nero a leggere e navigare poi io sono tornata a casa e ho fatto tutti i giri del quartiere.

Dovevo metterci poco e alla fine ho perso metà pomeriggio.

Alla Barclays l' impiegata si è messa a raccontarmi la storia della sua vita, e non per modo di dire.

Si chiama Ticia, è jamaicana, ha una figlia, è qui da quattordici anni in cui ha fatto l' università, perchè la sua laurea jamaicana non andava bene, una figlia e un divorzio, lavora per Barclays da pochi mesi, ma è molto contenta, ogni mese guadagna soldi sufficienti per risparmiarne per il suo futuro, per mandarne ai suoi genitori ai caraibi e per crescere sua figlia nel modo più opportuno, avere una casa e una macchina.

Ovviamente mi ha chiesto altrettanto di me.

Doveva essere davvero annoiata e senza un granchè da fare.

In fin dei conti è stato piacevole.

Mi ha confessato di adorare i racconti di storie come la mia perchè assomigliano tanto a quello che ha fatto lei: lasciare tutto, partire e provare a vedere cosa succede.

A lei è andata bene e per questo ci teneva tanto a parlarmi e a incoraggiarmi.

Mi ha ripetuto mille volte che gli amici vanno e vengono mentre se fai una cosa per te stessa nè sarai felice per sempre.

Discorso discutibile.

Mi ha installato qualche nuova applicazione sul conto tra cui l' essenziale con la quale mi arriva un sms quando scendo sotto i 100 pounds.

Sarebbe così utile se solo ogni tanto ci salissi anche sopra quella cifra.

Peccato che per ora non va così, ma va bè.

Le ho sorriso come se mi stesse cambiando la giornata quella notizia, quando in realtà era totalmente inutile, ma ci eneva tanto.

Mi ha addirittura salutato dicendo: 'Se vuoi ripassare io sono sempre qui e facciamo due chiacchiere'

Ho perso altri quaranta minuti da Morrison perchè essendo un nuovo supermercato non sapevo dove fosse la roba e ho dovuto un pò esplorarlo.

Ho fatto una mega spesa con solo 19 sterle grazie alla linea base dei prodotti Morrison.

Forever best friend le zuppe a 24 p.

Arrivata a casa ho messo a posto la camera che era un totale macello.

Tornado Pelle aveva lasciato vestiti e valigie ovunque e non poteva durare per molto.

E' stata dura, ma ce l' ho fatta.

Insomma è stato tutto tranne che un giorno di riposo.

Se non fosse per il mio appuntamento settimanale con 'Girls', il suo nuovo telefilm di cui sono diventata dipendente.



@Elephant & Castle
 

Questa mini piazzetta tutta colorata è stata una bellameta della mattinata @Covent Garden



 



Graffiti @Camberwll Green



Camera prima


 Faccia da 'Ho rimesso a nuovo la camera'

Camera dopo

Nessun commento:

Posta un commento