01/02/13

GIORNO 101: Masterchef

Cento giorni? WTF.

Mi sembra ieri che chiamavo disperata David perchè non sapevo dove dormire la prima notte arrivata qui.

Questo mese poi, folle.

Credo che gennaio 2013 sia in assoluto il mese che è passato più in fretta di tutta la mia vita.

Del resto dicono che il tempo passa veloce per chi sta bene per cui non deve preoccuparmi questa cosa.

Piuttosto devo fare in modo che non sia anche uno degli ultimi il mio centesimo giorno quindi come al solito mi sono persa su internet con i vari curriculum e application online.

Sono uscita solo per le sei per l' aperitivo da Blitz, il mega vintage store in cui lavora la Mari.

Del resto come si fa a non resistere al richiamo del vino gratis?

Qualche bicchiere di vino in compagnia da Blitz e poi fine serata al Pussycat, il nostro pub preferito di Shoreditch, che riesce ad essere assurdamente pieno qualsiasi giorno della settimana.

Non ero mai uscita con una balotta così enorme.

Ieri sera saremo stati una trentina praticamente, perchè tra tutti i colleghi del blitz e gli amici di ognuno abbiamo finito per sembrare una scolaresca in gita di classe.

Solo che invece che seguire il maestro con la bandierina seguivano la Mari che andava in giro con la bici di Maxim.

Divertentissima.

La mia idea era di tornare a casa  presto e di andare a dormire a un orario decente, ma ho preso l' autobus sbagliato e non sapendo dove mi avesse condotto sono scesa a caso dopo un pò.

E' bastato fare due passi a piedi per ritrovarmi un fantastico panorama di fronte.

L' ho già detto e lo ripeto: è bello anche perdersi a Londra.

Con una mezzora di ritardo sul piano di marcia sono comunque arrivata a casa.

Ero in cucina quando arriva il mio coinquilino con il quale mi metto a chiacchierare.

Non avevo avuto molte occasioni per farlo prima a parte 'la domanda di benvenuto'.

Mi ricordo ancora cosa gli avevo chiesto: 'Primo giorno a Londra?'.

Quest' uomo mingherlino sulla cinquantina mi guarda con il sorriso di quello a cui piacerebbe rispondere sì e invece mi dice: 'Sono qui da due anni, ma presto voglio tornare a Miami.'

Quando gli ho fatto quella domanda non potevo immaginare che fosse un Masterchef.

Per la precisione il quarto cioccolatiere migliore al mondo.

Che aprendo il giornale sulla metropolitana avrei trovato la sua intervista o che avesse partecipato a una puntata di Masterchef UK una settimana fa.

Conosce praticamente di persona i Rolling Stones e molti giocatori di calcio che vanno quasi tutti i giorni a mangiare da lui.

Ora capisco perchè arrivando in questa casa ha esordito con 'Me ne andrò presto'.

Lui può permetterselo.


Da quando ho visto 'Party Monster' vorrei uscire tutti i giorni con un make up improbabili e le flatform.


@Monument station


Shard , in italiano la 'scheggia', il grattacielo più alto di Londra @monument station


cars @ London Bridge











Nessun commento:

Posta un commento