13/01/13

GIORNO 82: running forever

Navigando ho trovato questo monologo che spiega al meglio la mia sensazione di questi giorni.

Non ho un lavoro e i miei soldi stanno pian piano finendo.

Devo trovarne uno il prima possibile.

Sono disposta a fare qualsiasi cosa pur di non tornare.

Oddio non è che odi casa mia, la mia città..e che adesso ci tengo davvero a rimanere.

Ora che  il peggio è passato, che i primi grossi problemi me li sono lasciata alle spalle, proprio ora non posso ritornare.

E allora non mi resta che rimboccarmi le maniche e iniziare a correre...

Correre...per vivere.

'Correre è fare un passo e poi un altro e un po’ alla volta prendere coraggio…

E non aspettarti il tappeto rosso, ma molte buche e qualche bel sasso.

E arriveranno da ogni dove perché chi va piano mal sopporta chi fa a meno delle cinture!

E potranno anche farci male e riempirci di botte, ma per noi che andiamo forte lo sfregio è arrivare alla fine sani.


Correre è la voglia che devi avere di stare in piedi sempre e comunque.

Che seduti si sta solo al cesso.

E lo so che stai bene lì, signorino, comodo e al caldo.

Ma alza il culo perché il mondo va preso di petto.

E con lo sguardo fisso e fiero guarderemo sempre avanti perchè a noi nessuno, nessuno potrà mai fermarci.


E di schivare gli ostacoli non c’ abbiamo nessuna voglia.


Noi del resto li abbattiamo tutti interi e un giorno questo sarà storia ma solo per voi che avete bisogno di una memoria.

Non per chi è come me e per la gente che sogna.

Perché di ricordarmi chi ero ieri no, non m’ importa.

Di sapere chi sono oggi, bè è una bella domanda..

E domani? A domani ci penserò un’altra volta.



Per ora ti dico che non voglio nè mete nè destinazioni.


Non è importante sapere quando il viaggio è iniziato, ma sperare solo che non debba mai finire.

E a te che ancora non ti fidi dico che forse non lo sai ma sei attaccato a dei fili.

E l’unico modo per poterti staccare è fare un bel salto per scoprire così che sapevi già volare.

Hai imparato a farlo metro dopo metro, anno dopo anno e col cielo a un palmo di naso te ne sei finalmente reso conto.


Correre è guardare il mondo da un’altra prospettiva.


Fallo e vivrai davvero.

Vivrai come non l' hai mai fatto prima.'


Dedico questo monologo alla Michi, una delle persone più fantastiche di questa esperienza.
Che la tua tenacia e la tua energia possano essere per sempre il tuo punto forte. 
Come dicono i Sound of Arrows spero che tu riesca a correre per sempre...

Running forever. Longing for your love so cool. To something better. I'll never stop following you ...

http://www.youtube.com/watch?v=1FHEn8rJ4Vw

1 commento:

  1. Accidenti Franci che tornado, stento a riconoscerti, io non ho il tuo coraggiio e forse l'età ma ti condivido pienamente. Ormai ti sei meritata un posto a tavola coi "grandi". papi.

    RispondiElimina