11/01/13

GIORNO 80: friendship

Oggi io e la Cri per la missione trovare un lavoro serio asap siamo andate in trasferta a Camden.

Non è stato granchè positivo, del resto gennaio per trovare lavoro è forse il mese meno consigliato.

Oggi pomeriggio ci siamo limitate ai curriculum online perchè il freddo e il vento hanno raggiunto livelli insopportabili.

Insomma a fine giornata sentivo di non aver concluso granchè sebbene avessi sgobbato tutto il giorno e ancora una volta le mie amiche si sono rilevate fondamentali.

Nonostante siano molte sere che lo diciamo (con annesse feste varie) quella di oggi era l' ultima sera della Miki.

Quella vera.

Abbiamo annegato la tristezza per la partenza dell' ennesima compagna di viaggio con il solito quintale di risate.

Sarà che tutto è partito da questa casa, sarà che ci siamo conosciuti tutti qui, ogni persona che se ne va è sempre un grande vuoto.

Ma i vuoti sono fatti per essere riempiti e a Londra ogni partenza corrisponde ad un nuovo arrivo.

Oggi è arrivata Chiara, una nuova coinquilina ventisettenne, laureata in economia.

Vive a Londra da sei mesi e fa la cameriera mentre migliora il suo inglese.

Tanto in Italia non troverebbe lavoro, dice.

Che tristezza.

Chi studia, chi lavora, chi cerca, chi si mantiene, chi si fa mantenere, chi parte, chi arriva.

Londra non si ferma mai.

E stasera anche noi sembriamo instancabili, sono quasi le tre e la luce della nostra camera è ancora accesa, come i nostri computer, i nostri cellulari, le nostre bocche, che vorrebbero chiacchierare fino a domattina...

Stanotte è una di quelle notti che vorrei potesse essere un pò infinita: sogni, paure, saluti, fantasie, speranze, sorrisi, pianti, ma comunque assieme.

In questi momenti capisco che da sola non ce l' avrei mai fatta e che è doveroso un grande grazie.

Grazie Emma, Federico, Cri, Michi, Mari.

Grazie davvero a tutti.

Buonanotte amici miei, che possiate dormire inquieti questa notte.

E che possiate svegliarvi ancora più inquieti domattina, perchè non esiste nulla di più emozionante di un futuro incerto, nulla di più esaltante di un domani da programmare, nulla di più assurdo, nulla di più bello della nostra vita.

Scardi in versione 'la mia età cerebrale è pari ad almeno la metà di quella anagrafica'
 
La mora, la rossa e la bionda in versione 'vi presentiamo gli ingredienti della pizza'

 mamma Miki prepara la pizza

Questo sorriso ha cambiato troppe mie giornate, ti adoro Michi


 Le più cretine sempre noi.

 Brindisi con il merlot, rigorosamente in bicchieri diversi e uno più scrauso dell' altro.


 Tra una pizza e l' altra siamo anche riuscite a vedere in streaming Berlusconi da Santoro.
Grazie Silvio per avermi dato un altro motivo per non mollare e cercare in tutti modi di rimanere qui.
 




 





Nessun commento:

Posta un commento