04/01/13

GIORNO 73: movin' away

Ogni partenza si porta sempre dietro del fascino...

E' comunque l' inizio di un viaggio e tante volte verso l' ignoto.

Ma a quelli che restano chi ci pensa? 

Cosa fanno loro? 

E poi ci sono quelli che non sanno cosa fare, quelli che continuano a tormentarsi, quelli che aspettano fino all' ultimo per decidere...

Londra mi mette ogni giorno di fronte a scelte e a partenze, di fronte a persone che come me devono decidere.

E' per questo che qui si fa presto a diventare amici, perchè in primo luogo sei da sola e in secondo luogo perchè le difficoltà quando sono condivise sembrano essere meno pesanti.

Ieri se ne sono andati tutti.

Le mie amiche sono ripartite e i miei coinquilini di sempre hanno iniziato a fare le valigie.

E io per la prima volta, ieri sera, ritornando a casa, ho finalmente realizzato di abitare a Londra.

Si ok, faccio shopping a Oxford Street, le mie passeggiate sono tra Hyde Park e St James, mangio fish and chips e parlo inglese, però non è la stessa cosa.

E' come se avessi vissuto questi due mesi e mezzo come una lunga vacanza, sempre con l' idea che la mia casa era da un' altra parte e ci sarei tornata presto.

Ieri salutando le mie amiche ho capito che la mia vita, i miei amici, la mia casa ora sono a Londra.

In una qualsiasi altra situazione della mia vita io ieri sera sarei dovuta ripartire con loro, invece no, sono rimasta qui.

Vivere questi giorni nella città del mio cuore con le mie amiche di sempre è stato un bel sogno, ma stamattina mi sono svegliata.

Senza sicurezze e senza convinzioni brindo all' inizio dell' anno più imprevedibile della mia vita, con l' unica certezza che senza i miei amici non sarei la persona che sono.



  @ Brick Lane


Graffiti @ Brick Lane

Graffiti @ Brick Lane 


Graffiti @ Brick Lane


...they say an end can be a start
(love you girls) 




Nessun commento:

Posta un commento