14/12/12

GIORNO 52: Claridges

Ieri ho lavorato per la prima volta con la mia nuova agenzia.

Famosa in tutta Londra per essere la migliore agenzia, ma anche quella con più puzza sotto il naso.

Ero troppo agitata.

Quando lavori per loro devi sempre essere perfetta, al primo errore te ne torni a casa.

Londra mi sta cambiando per tante cose, ma per migliorare la mia sbadataggine ce ne vogliono di giorni.

E ieri ho realizzato solo due pre prima dell' inizio del turno che mi mancavano metà delle cose,

Ancora una volta mi ritrovo a ringraziare le mie coinquiline che mi hanno fatto da pranzo e mi hanno salvata.

Nonostante sia riuscita a passare da Primark a cambiarmi prima di andare a lavorare andava tutto male.

La gonna non andava bene, le scarpe non andavano bene, il gillet non era quello sbagliato solo per il fatto che non ce l' avevo proprio.

Perchè sono sicura che se ce lo avessi avuto non sarebbe andato bene nemmeno quello.

E nonostante tutto non mi hanno cacciata a casa.

L' ennesimo Christmas miracle.

E anche se ieri sera è stata veramente dura come cosa, soprattutto dal punto di vista nervoso, sono sopravvissuta bene.

A fine serata ero davvero stanchissima, come dopo una lunga lezione di chimica dove non puoi perdere la concentrazione per un attimo.


L' unica soddisfazione della serata deriva dal fatto che ieri per la prima volta ero io ad aiutare gli altri e non gli altri ad aiutare me.

Anche se organizzo questo tipo di eventi solo da un paio di settimane ho già imparato tantissimo.

Sono giornate come questa che rappresentano perfettamente la vita londinese.

Di corsa, stressanti, ma poi alla fine decisamente gratificanti.

Ogni volta è una prova, ogni volta è una sfida e ogni volta è una grande soddisfazione personale.


@ Bond Street Tube Station

love this pic








1 commento: