19/11/12

GIORNO 27: sunday sunny sunday

Oggi è domenica e per ora continuiamo con le nostre domeniche relax.

Finchè si può.

Finalmente dopo quasi una settimana di virus anche Federico è tornato a vivere e ha visto qualcosa di diverso dal soffitto di camera nostra.

Io, lui e Pi siamo andati ad Harrods e abbiamo fatto un giro per Knightsbridge, non male come posticino.

Anche se Harrods fa parte della storia di questa città e mantiene comunque il fascino di tutti i grandi magazzini non lo amo da impazzire.

Lo trovo un pò antiquato, un pò oltrepassato e soprattutto detesto l' immensa quantità di turisti che lo invade ogni giorno.

E' vero è giusto che ci vadano però cavoli fanno foto a qualsiasi cosa, dal vestito dell' ultima collezione di Acne alle scatole di the di latta.

Le scatole di latta? Bitch please! 

Dallo shopping di classe a quello low cost, dalla confusione vecchio stile al caos moderno.

Da Harrods a Oxford Street in mezzora, attraversando in tutta tranquillità Hyde Park.

Ora, Londra è piena di parchi, ma ad Hyde Park io (e credo qualsiasi londinese) riserviamo un posto speciale nel nostro cuore.

Central Park sta a New York come Hyde park sta a Londra, insomma.

C'è un lago artificiale, Serpentine Lake, lungo e stretto, che divide il parco in due parti.

C'è un parco giochi con tanto di ruota panoramica.

E poi c'è lo Speaker's Corner, una vera 'icona' del parco.

Per chi non conoscesse questa usanza si tratta di un' area dell' angolo nord-orientale del parco.

La tradizione vuole che la domenica chiunque possa presentarsi munito di sgabello o seggiolina portatile e che si metta a parlare di qualunque argomento sul suo qualcosa.

Notevole esempio del concetto di libertà di opinione.

Davvero un bel pomeriggio.

Poi stasera la nostra cena ci ha dato soddisfazioni.

C'era il 3x2 sul salame da Tesco e già qui significa che esiste un qualche dio lassù che ci sta guardando.

Poi la pizza al prosciutto surgelata da 1 pound non era affatto male.

E per concludere i mandarini della Tesco sono nettamente superiori a tutti gli altri.

E voi direte come devono essere dei mandarini?

Bè sappiate che qui anche quelli fanno schifo.

A proposito di mandarini, li stavo mangiucchiando oggi mentre videochiamavo la Pro e Ben e li sentivo così vicini a me che gli stavo per chiedere di sbucciarmene uno.

Ogni giorno che passa i miei amici mi mancano sempre di più.

Spesso non ho nemmeno il tempo di chiedere come va? Cosa fai in questi giorni?

Per una persona come me che ha fatto dei rapporti umani la sua vita per certi versi è pazzo, per altri assurdo.

E' un' ennesima sfida per me.

Una sfida nella sfida.

Ai miei amici che leggono questo post chiedo scusa una volta per tutte se non mi faccio sentire o se le poche volte in cui lo faccio è in modo approssimato.

Non è quello che voglio veramente, è quello che mi impongono i ritmi serrati di questa città.

Mi mancate tutti, dal primo all' ultimo.

Ma allo stesso tempo non potevo rinunciare a questa opportunità.

La lontananza fa male, ma ti insegna a vivere nei ricordi.

E non esiste cosa più bella nella vita di ripensare al proprio passato con il sorriso di quella che non ha rimpianti.


Lady Diana forever in my heart 


Hyde park. Ferris Wheel.


Speaker's corner.


Sunset in Hyde Park. Emotions.






Nessun commento:

Posta un commento