16/11/12

GIORNO 25: money


Stamattina colloquio di lavoro.

Agenzia di eventi che si occupa di party VIP: premiere, eventi sportivi, feste private.

Da quanto ho capito sono dentro.

Tra un paio di ore mi dovrebbero chiamare per dirmi i turni.

Spero di fare abbastanza ore per potermi mantenere perchè non vorrei fare mille lavori diversi, sennò incastrarli tutti diventerebbe impossibile.

Un' altro aspetto che mi piace è che farò un po' di tutto a seconda delle esigenze, così faccio esperienza su più campi.

Visto che io di esprienza proprio non ne ho mezza.

Va bè ho dovuto mentire, ma mi serviva questo lavoro.

E poi non sembrava gliene fregasse molto di cosa facessi in Italia.

Meglio così.

Ma del resto i soldi sono soldi e quanto servono servono.

Non adoro parlare di soldi però forse è giusto fare un piccolo appunto anche sull' argomento finanze londinesi.

Magari qualche dato buttato lì può anche essere utile a coloro che leggono il mio blog perchè vorrebbero fare un' esperienza simile.

Londra è cara.

Non stiamo tanto a girarci intorno.

I trasporti pubblici sono i più cari al mondo.

Se andate sul sito TFL (transport for London) potete trovare tutto quello di cui avete bisogno.

Nel mio caso e in quello del 90% delle persone che fanno un' esperienza simile alla mia è fondamentale più che utile fare l' abbonamento ai mezzi pubblici.

Una corsa singola in metro o bus che sia costa anche 2 sterline e considerando che per spostarsi si usano in continuazione fare l' abbonamento diventa l' unica soluzione.

Londra ha 8 zone, l' avevo già detto.

Ma parliamoci chiaro, quasi tutto si concentra all' interno delle due centrali.

Per cui vale la pena fare l' abbonamento solo per quelle due e quando capita di dover uscire dal poligono centrale si paga il supplemento.

Si tratta in definitiva del metodo più comodo e soprattutto economico.

Esiste la versione settimanale e quella mensile, ma in sostanza con la seconda non ci risparmi molto.

Solo la rottura di doverla rinnovare ogni settimana.

E quando ti svegli in ritardo e devi correre dall' altra parte della città e non puoi arrivare in ritardo non puoi permetterti di arrivare alla fermata della tube e non riuscire ad entrare perchè il tuo abbonamento è scaduto.

In sostanza:

Settimanale: 29 pounds.
Mensile: 112 pounds.

E questa è una spesa che un londinese non può evitare.

Altra spesa ovviamente obbligata: l' affitto.

E qui son dolori.

Secondo un' indagine che ho letto un po' di tempo fa c'è solo una città al mondo che tiene testa a Londra in quanto a prezzi: New York.

Insomma, Londra è seconda al mondo se non prima a pari merito.

Ora, io non sono mai stata a New York, ma posso assicurarvi che le case di Londra non si meritano tutti questi soldi.

Ma si tratta di una diversa idea di casa, e anche di questo ne avevo già parlato.

Se per la metro il prezzo è quello e non ci si può fare niente almeno per quanto riguarda la casa gli standard sono decisamene diversi uno dall' altro.

Basta sfogliare un giornale qualsiasi e si trovano case di tutti i tipi e ovviamente tutti i prezzi.

Se siete i tipi da potersi permettere l' appartamento da soli magari in un grattacielo vista non so cosa vi invidio molto.

Ma la maggior parte dei giovani expat alla ricerca di avventura come me di solito si affidano alle famose quanto criticate house share.

Qui vanno un sacco.

Le tipiche case con cucina, salotto e bagni in comune e ognuno una camera da letto (che a sua volta può esser singola, doppia o tripla).

Qui i prezzi dovrebbero stare al di sotto delle 130 sterline a settimana.

Quanto al di sotto dipende se la camera è tutta vostra o la condividete, se la casa è vicino al centro o un po' meno, quanto è bella, quanto è nuova...

Ma questo lo capite da soli.

Ultima spesa indispensabile alla sopravvivenza: il cibo.

Anche qui è difficile fare dei pronostici.

O meglio, farli per gli altri.

Ognuno ha le sue abitudini alimentari, i propri 'non posso farne a meno', i propri gusti.

In definitiva i supermercati costano un po' di più dello standard italiano (soprattutto per quanto riguarda i prodotti esteri) quindi fate un po' i vostri conti.

Io mangio schifo e spendo poco, semplice.

E con il cibo la triade di spese per la sopravvivenza alla vita londinese direi che è finita.

Non c'è da tralasciare però che Londra è una città fantastica per fare shopping e anche le migliori promesse di risparmiare vanno in frantumi davanti a una qualsiasi vetrina, soprattutto se siamo in tempi di Natale.

Qual periodo in cui il sorriso da ebete è un dolce compagno di pomeriggi in downtown, quello in cui la stessa vetrina senza le lucine non era così bella...

Insomma, un expat medio ci casca e anche poco che sia, un po' di shopping lo fa.

Considerando che ora il cambio euro/ sterlina è fissato a circa 1,3 fate un po' i vostri conti.

E iniziate ora a risparmiare.

2 commenti:

  1. Ciao, complimenti per il tuo blog, offri molte informazioni utili raccontando la tua esperienza :).. io a metà gennaio vorrei partire per Londra, per cercare una sistemazione ed un lavoro... il problema è che non so se riuscirò a farcela con 1100 pounds o poco più a sopravvivere giusto il tempo di trovare un lavoro.. magari se puoi darmi qualche dritta in base alla tua esperienza.. grazie mille

    RispondiElimina
  2. assolutamente.. se vuoi farmi qualche domanda nei dettagli aggiungimi pure su facebook http://www.facebook.com/Pelleeee?ref=tn_tnmn

    RispondiElimina