06/11/12

GIORNO 15: two weeks

Due settimane fa.

L' aereo era un pò in ritardo, al controllo passaporti non hanno fatto storie e le valigie sono arrivate.

Un pò ammaccate, ma c'erano.

Tra noi e Londra c'era solo la formalità della dogana e il trenino che collega il centro della città all' areoporto.

Heathrow? Gatwich? Stansted? Luton?

Un consiglio: godetevi quel momento, stampatevi in testa l' attimo in cui salite sul qualcosa Express e iniziate la vostra corsa verso Londra.

Un conto è andarci in vacanza, un conto è trasferirsi.

Che sia per lavoro, per studio, per tre anni o per sei mesi.

Forse per sempre.

Il punto è proprio questo: non lo potete sapere.

La capitale britannica ha tanti difetti, ma accoglie tutti.

Capita spesso di ascoltare la storia di chi sarebbe dovuto restare giusto per rivedere l' inglese e ora è sposato, ha due figli e vive in una bella casetta nel West End.

Londra è facile, Londra ti tenta: ti dà un lavoro, uno stipendio dignitoso (o anche uno stipendio fantastico, dipende), la sensazione di stare al centro del mondo, l' illusione della scalata infinita.

Qui, più che in ogni altra capitale europea, ci si viene anche per tentar fortuna, e non solo per "fare esperienza".

Per questo dico di godervi quella mezz' oretta di treno, bagaglio e speranze al seguito: comunque vada alla fine del percorso non sarete più gli stessi.

Chi viene a Londra è sempre un provinciale: non è un londinese.

Il cuore della città se lo dovrà quindi guadagnare.

Due settimane fa anche io ero su quel treno con i miei pensieri e le mie speranze.

Probabilmente credevo di trovare lavoro prima e più facilmente, di incontrare coinquilini un sacco simpatici e avere una casa stupenda.

Perchè sono sempre troppo ottimista.

Non è andata proprio così...

Dei coinquilini ne conosco neanche la metà, la casa non è un granchè e sto ancora cercando lavoro.

Per ora posso ancora sopravvivere con i soldi che ho da parte, non c'è motivo di arrendersi per cui continuo a distribuire CV online e nei negozi.

A volte è un pò frustrante, però mi permette di vedere sempre posti nuovi o rivederne di già visti sotto occhi diversi.

Perchè puoi guardare la stessa cosa per una vita e vederla sempre diversa, dipende tutto dall' osservatore.

E io Londra la guardo ogni giorno con gli occhi di quella che non ne hai mai abbastanza.


mainstream ma sempre bello. Big Ben.


Westminster. Phone boot.


St. James' park. Uno dei posti più incantati di Londra.
Senza ogni dubbio.


St. James' park e sei dentro a una favola.


St James' park. Pond.


Horse Guards Road. Come un dipinto.


St James' Park.


St James' park.


St James Park. Quando ti attraversa la strada un pellicano alto come te e con un becco lungo come il tuo braccio lo lasci passare.


St James Park. Anatre ovunque.


St James Park. Scoiattolo.


Buckingham


Carnaby Street


Regent street


Regent Street


Piccadilly Circus



4 commenti:

  1. Ciao Cara,
    sto leggendoil tuo blog con tenerezza e divertimeto. Sono solo a Novembre e sobno curiosa di sapere come va avanti!
    Un consiglio per e3ssere una buona blogger: quando fai copia e incolla cita le fonti! ;)
    In bocca al lupo per la tua avventura! Continuo a leggere....tt

    RispondiElimina
  2. Il problema che questo è un diario più che un blog capisci?
    Non sono una 'blogger' semplicemente scrivo il mio diario su internet perchè i miei amici possano rimanere aggiornati senza che racconti ogni volta la stessa cosa...
    Questa è la mia idea.
    Se non cito le fonti è perchè mi fa perdere tempo e qui se ne ha sempre troppo poco.
    Tanto per sapere.. con chi sto parlando?

    RispondiElimina
  3. Ciao Francesca, sono un'amica dell'autore del libro le cui parti trovo spesse volte copiate e incollate sul tuo blog/diario.
    Mi piace il tuo blog, ci sono spunti interessanti, e' piacevole e divertente leggerti.
    Mi chiamo Elisa de Martini e sono una expat come te.
    L'unica cosa e' che trovo veramente poco elegante scrivere pezzi(ad amici o a sconosciuti) come se fossero propri quando non lo sono.
    E' solo un consiglio, io faccio il tifo per la tua avventura!
    Elisa o tt.

    RispondiElimina
  4. Grazie Elisa!
    Evivva gli expat, direi ;)

    Faccio anche io il tifo per te, qualunque sia la tua di avventura ;)

    RispondiElimina